Ultima modifica: 4 Maggio 2019
ITET SALVEMINI - MOLFETTA > erasmus > Parent Training “Siamo tutti genitori. O no?”: Progetto Erasmus + KA1 “Human skills improve yourself”

Parent Training “Siamo tutti genitori. O no?”: Progetto Erasmus + KA1 “Human skills improve yourself”

Nei giorni 22 – 25 – 27 marzo 2019, presso la nostra scuola, si è tenuto un ciclo di incontri sulla genitorialità dal titolo “Siamo tutti genitori. O no?” nell’ambito dell’attività di “parent training” programmata per la disseminazione del progetto Erasmus + KA 1“Human Skills: improve yourself“, realizzato nel biennio 2017 – 2019, che ha previsto, nel 2018, la mobilità all’estero di 15 docenti della nostra scuola per partecipare a corsi di formazione sui temi della leadership e dell’intelligenza emotiva.

Le attività di disseminazione dei contenuti trattati e delle competenze raggiunte durante questi corsi sono state rivolte dapprima ai colleghi della scuola e agli alunni delle prime in ingresso, attraverso seminari e attività laboratoriali all’inizio di questo anno scolastico, e successivamente è stata prevista una fase dedicata ai genitori degli alunni al fine di creare un tessuto connettivo di scambi di idee e di relazioni costruttive con il territorio in cui la nostra scuola opera e agisce.

In particolare, questo seminario/workshop ha visto coinvolti i genitori degli alunni del biennio e delle classi prime per l’a.s. 2019/20, che sono stati guidati nel percorso da un’esperta psicologa, dott.ssa Lizia D’Agostino, e dal nostro Dirigente Scolastico, prof. Sabino Lafasciano, che hanno incentrato i loro interventi sui temi della genitorialità sociale e sul filo invisibile che lega la consapevolezza di essere genitori oggi, con tutte le problematiche correlate a questo ruolo, con la necessità di stabilire un nuovo patto scuola – famiglia.

Diversi gli spunti di riflessione attraverso i quali i partecipanti sono stati condotti, dalla possibilità di rivedere i luoghi comuni a proposito di maternità e paternità libere alla necessità di “accogliere” e ascoltare i propri figli per creare una nuova genitorialità rispetto ai modelli del passato, puntando a decostruire gli stereotipi e l’analfabetismo emotivo sempre più dilagante nei rapporti umani di oggi, dove i social network sono cassa di risonanza per qualsiasi slancio emotivo e il contatto relazionale è diventato un lusso che non sappiamo più permetterci.

Molto interessante è stato il passaggio dedicato ad una sorta di auto-analisi sui sentimenti che ciascuno di noi prova e su quanto e come è in grado di decifrarli e di accettarli e, in relazione a questa codifica alla capacità di agire rispetto ad essi.

Positivo è il bilancio di questa iniziativa in cui i genitori hanno ascoltato le dritte degli esperti e hanno avuto l’opportunità di condividere dei momenti di confronto: è questo il senso di una scuola accogliente?

Lascia un commento

Devi fare il log in per inserire un commento.




Link vai su