Ultima modifica: 10 Giugno 2019
> News > Studenti e pollice verde, ecco l’orto didattico di Lama Scotella

Studenti e pollice verde, ecco l’orto didattico di Lama Scotella

Loghi PON 2014-2020 (fse)

Educare i giovani all’importanza della natura è una missione di rilievo, soprattutto in un mondo come quello attuale spesso caratterizzato da interazioni virtuali e da un rapporto ormai perduto con la propria terra. Non solo, mantenere un contatto con i valori d’altri tempi che hanno caratterizzato le generazioni passate può avere una grande valenza formativa.

Proprio questo è l’intento dell’iniziativa “Verde in Comune”, definita con una convenzione tra il Comune di Molfetta e l’Istituto Tecnologico “G. Salvemini”, inclusa nell’ambito dei finanziamenti Pon. Studenti, docenti, esperti e volontari del programma Erasmus+ hanno curato una porzione dell’area verde di Lama Scotella, data in comodato d’uso dal Comune, dando origine a un vero e proprio orto didattico che nella giornata di ieri ha dato i suoi primi risultati. I contorni di questa iniziativa sono stati illustrati in una conferenza stampa a cui hanno preso parte il Sindaco Tommaso Minervini e il preside della scuola coinvolta Sabino Lafasciano. Sono intervenuti anche l’Ingegner Ottavio Balducci, il Prof. Basciani e l’esperta Francesca Petruzzella che ha guidato i ragazzi in questo percorso.

Il Sindaco si è espresso con tono elogiativo verso questo progetto: «Sono entusiasta dei risultati raggiunti anche quest’anno dall’iniziativa perché dimostra come sia ancora possibile insegnare ai giovani ideali che spesso non vengono più presi in considerazione nella vita quotidiana. In primis il valore della natura, elemento quantomai rilevante in una terra da sempre rigogliosa come la nostra. In secondo luogo, la cooperazione in un piano educativo che educa all’aiuto reciproco superando le barriere virtuali che spesso ci dividono di questi tempi. Il messaggio che poi lascia un percorso come questo è di tipo metaforico: in ogni campo della nostra vita si raccoglie quanto si semina con il lavoro, con la fatica e con l’impegno. Ecco, quanto oggi avete messo in pratica potrà esservi d’esempio anche per il vostro futuro di studenti e di uomini perché solo con dedizione si possono ottenere grandi risultati».

Il Prof. Basciani ha spiegato i benefici di questa connubio fra studenti e natura: «Siamo soddisfatti per aver portato a termine questo pon che ormai da anni mandiamo avanti perché crediamo molto in quello che può lasciare nei nostri ragazzi. Continueremo anche in futuro con questo tipo di progetto perché è importante, secondo noi, che fin da questa età venga recuperato quell’approccio più spontaneo al proprio ambiente e alla collaborazione con il prossimo». Infine, la Dott.ssa Francesca Petruzzella ha voluto sottolineare le modalità con cui è stato attuato il Pon: «Gli studenti hanno seguito le varie fasi del ciclo vegetale delle piante e con entusiasmo crescente hanno potuto prendere atto di come la natura cresca e si evolva. Sono convinta che questa iniziativa possa lasciar loro tanti significati oltre che conoscenze specifiche che potranno servire loro come bagaglio anche per il loro futuro dopo la scuola. In un momento in cui gli spazi verdi delle nostre città sono spesso relegati ad angoli limitati e nascosti, noi abbiamo cercato di darne di nuovo luce per farne capire il valore».

Leggi l’articolo su Molfettaviva

Lascia un commento

Devi fare il log in per inserire un commento.




Link vai su